Allarme nel porno: “Mancano gli attori. Solo 70 maschi per 10mila donne….”

loading...

TOKYO – Ken Shimizu, in arte Shimiken, conosciuto in Giappone il “Cristiano Ronaldo del sesso”, lancia l’allarme: nessuno vuole più fare il porno attore.

“Noi siamo una specie in via d’estinzione – ha detto Shimiken, uno dei porno attori giapponesi più famosi e amati in patria – Ci sono solo 70 attori maschi per 10mila donne”. Eppure il porno continua a generare miliardi. L’industria dei video per adulti, in Giappone, fattura qualcosa come 20 miliardi di dollari all’anno.

“Faccio questa vita da 17 anni e non mi sono mai stancato – racconta Shimiken – È solo che per gli spettatori è noioso vedere sempre gli stessi attori, questa è la mia più grande preoccupazione”.

Se siete decisamente esibizionisti e amate il porno in tutte le sue espressioni, forse dovreste trasferirvi in Giappone e lanciarvi in una redditizia carriera nel mondo dell’hard del Sol Levante. Il porno giapponese, infatti, lamenta una carenza di attori maschi davvero notevole: parliamo di un rapporto di circa 70 attori maschi a fronte di ben 10mila attrici. Ken Shimizu, in arte Shimiken, e ribattezzato in Giappone come il “Cristiano Ronaldo del sesso”, ha lanciato l’allarme per cui sembra che più nessuno voglia fare il porno attore.

“Noi siamo una specie in via d’estinzione. Ci sono solo 70 attori maschi per 10mila donne. Faccio questa vita da 17 anni e non mi sono mai stancato. È solo che per gli spettatori è noioso vedere sempre gli stessi attori, questa è la mia più grande preoccupazione.”

Shimiken ha 35 anni, ma ha già alle spalle ben 7.500 pellicole porno. Nei suoi film sembra che abbia avuto rapporti sessuali con circa 8mila donne. La carenza di attori porno in Giappone è preoccupante, anche perché parliamo di un’industria che, nel solo Sol Levante, è capace di generare un volume di affari di circa 20 miliardi di dollari all’anno. Di certo non vi invitiamo a mandarci curriculum, ma in ogni caso se siete interessati potreste provare a rivolgervi a delle case produttrici di cinema hard in Asia che, evidentemente, saranno ben liete di offrire un lavoro ai maschietti nostrani…

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


2 + 5 =