Matteo Renzi, finisce nei guai per i soldi destinati all’Africa: “Il cognato li ha…”

loading...

Andrea Conticini, cognato di Renzi, è finito nei guai per la questione dei soldi destinati all’Africa: che fine hanno fatto? Renzi prende le distanza dalla storia

Alcune onlus, fra cui l’Unicef, con quei soldi pensavano di finanziare i progetti dell’associazione Play Therapy Africa destinati ai bambini affamati in Africa. Secondo la Procura della Repubblica di Firenze, invece, una grossa fetta finiva sui conti privati riconducibili ai fratelli Alessandro, Luca e Andrea Conticini proprio il cognato di Matteo Renzi.
Renzi e i problemi del cognato

Di certo non una buona pubblicità quella che si sta facendo l’ex premier. Che fine hanno fatto i suoi soldi? Come riporta FirenzeToday, la stampa racconta di 6,6 milioni di dollari che sarebbero stati utilizzati, fra le altre cose, per l’acquisto di una casa in Portogallo e per finanziare, fra le altre, la Eventi6 della famiglia Renzi.

Intanto la vicenda è finita in tribunale: è partita da una segnalazione della Banca d’Italia che aveva notato trasferimenti anomali, si è sviluppata anche per i sospetti sollevati da una ex responsabile della Play Therapy di Londra.
L’ennesima figuraccia di Renzi

La cosa continuerà per Renzi e la sua famiglia in tribunale, se le onlus danneggiate sporgeranno denuncia. Solo in questo caso l’inchiesta proseguirà. Nel frattempo Matteo Renzi, secondo quanto reso noto dall’ufficio stampa dell’ex premier, ha dato mandato ai propri legali di procedere in sede civile e penale:

“contro chiunque accosti il suo nome a una vicenda giudiziaria che da due anni ciclicamente viene rilanciata sulla stampa e che riguarderebbe un fratello del marito di una sorella di Renzi”.

Come ne uscirà Matteo da quest’ultima sfida legale? Sicuramente l’ex premier troverà il modo di dimostrare che non c’entra nulla con tutta la storia è che si tratta di una questione che non lo riguarda in prima persona.

fonte:www.kontrokultura.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


7 + 3 =