Roberto Benigni demolisce Matteo Salvini: “Fa ridere ma la nomina a Ministro fa pensare…”

loading...

Roberto Benigni era in silenzio da troppo tempo. Adesso anche il comico toscano ha detto la sua su Matteo Salvini. La nomina a Ministro l’ha fatto riflettere un bel po’

E’ uno dei comici più amati dagli italiani Roberto Benigni, ma questa volta, con questo colpo mancino, rischia di inimicarsi mezza Italia. Il motivo? Il regista si è espresso non proprio positivamente nei confronti di Matteo Salvini, il Ministro dell’Interno.

Roberto Benigni e la frase su Salvini

Su Matteo Salvini, dopo Giuliano Sangiorni, Lilli Gruber, Luca Barabarossa arriva Roberto Benigni a dire la sua sul nostro Ministro dell’Interno. Il comico, attore, non ha riservato belle parole per il vicepremier. A Forte dei Marmi, Benigni è andato per ritirare un premio alla carriera.

Con la sua solita ironia è salito sul palco di villa Bertelli per prendere in giro a modo suo i protagonisti della politica italiana. Il segretario della Lega, Matteo Salvini, non prenderà benissimo l’ironia del comico toscano che comunque ha numerosi proseliti.

Le parole di Benigni contro Salvini

Benigni è stato sempre pungente e caustico come sempre. Il regista de La vita è bella ha dedicato un monologo alla situazione politica italiana. Inizialmente, Roberto Benigni ha sbertucciato la brutta abitudine degli italiani di salire sul carro del vincitore, parlando di “Noi del Movimento 5 Stelle”. Ha preso un po’ in giro il trolley e il sudore di Carlo Cottarelli durante le consultazioni presidenziali che hanno portato poi alla formazione del governo Conte.

Benigni ha ringraziato la giuria per avere “premiato un comico italiano”: per quelli stranieri è finita la pacchia”, utilizzando l’espressionemche un po’ di tempo fa aveva usato lo stesso Salvini.

La stoccata sul Salvini: inevitabile

Era inevitabile, per Benigni parlare del Ministro dell’interno. Il comico in poche parole ah definito Salvini una satira vera e propria:

“Che fa ridere e pensare. Matteo Salvini è come la satira: fa ridere. E la sua nomina a ministro fa pensare”.

Poi ironizza:

“Se continua così se ne andranno anche gli italiani, mi sa che c’è un’emergenza italiana”

E non poteva mancare il riferimento al presunto scandalo dei 49 milioni di euro di rimborsi della Lega:

“Non si riescono a trovare. L’unica spiegazione sarebbe se Cristiano Ronaldo l’anno prossimo giocasse nella Lega. Se no non si capisce dove sono”.

E poi:

“Salvini è innocente, ho letto che hanno fatto dei conti, trasposizioni bancarie, hanno mandato transazioni estero su estero, cose intelligentissime e complicatissime. Quindi Salvini non dovrebbe c’entrare niente”

Con queste parole, Benigni ha lasciato intendere che il vicepremier è tutt’altro che una persona intelligente.

L’intervento del comico si è concluso con un riferimento al Partito Democratico.

“Vorrei dedicare questo premio a chi è scomparso, a quelli che soffrono e che non ci sono più. Quindi lo dedico al Pd”

fonte:www.kontrokultura.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


2 + 4 =